Ipoplasia/tessuto ghiandolare insufficiente

“Forse hai solo bisogno di provare un po ‘di più.”

 “Hai provato il fieno greco?”

 “Probabilmente non stai bevendo abbastanza acqua.”

Pinterest

 Le madri che lottano con la produzione di latte ascoltano consigli come questi da amici e familiari ben intenzionati (e talvolta da sostenitori dell’allattamento materno che dovrebbero saperne di più).  Mentre la stragrande maggioranza dei problemi legati alla produzione di latte può essere risolta affrontando i problemi legati alla gestione dell’allattamento in sé, ci sono alcune mamme per le quali è difficile o impossibile produrre abbastanza latte per sostenere i propri bambini.  

Viene chiamato fallimento della lattazione primaria, questa condizione si verifica quando il corpo di una madre non produce una quantità adeguata di latte per il suo bambino, anche quando tutto il resto (inclusi ma non limitati a: attacco e posizionamento, frequenza e esclusività dell’allattamento, madre e bambino stanno insieme,  l’anatomia orale del bambino va bene – nessun legame con la lingua, palatoschisi) è in ordine. L’insuccesso della lattazione primaria può essere dovuto a una varietà di fattori, tra cui precedenti interventi chirurgici al torace o al seno che compromettono i nervi o la conduttura; complicanze ormonali, come quelle che accompagnano la sindrome dell’ovaio policistico o anomalie tiroidee;  e una condizione in cui il tessuto mammario non si è sviluppato durante l’adolescenza.  

Viene chiamata tubulare (o tuberosa) la deformità del seno nella letteratura di chirurgia plastica, ipoplasia della ghiandola mammaria (chiamato anche tessuto ghiandolare insufficiente o IGT) in precedenza si pensava fosse un semplice problema di estetica – correzioni verso l’aspetto del seno di una donna, con poco  riguardo per la sua funzione. Tuttavia, poiché l’allattamento assume importanza come problema di salute pubblica, sempre più madri cercano di nutrire i loro bambini in questo modo, ma poco si sa su cosa fare quando l’allattamento non funziona.

Perché alcune madri non producono latte?

 L’insufficienza nella lattazione può essere classificata in tre categorie: preglandolare, ghiandolare e postglandolare (Morton, 1994).  Una causa preglandolare per la produzione di latte bassa o assente è direttamente correlata a problemi ormonali come una placenta mantenuta o una tiroidite postpartum.  Cause postglandolari di produzione di latte insufficiente sono quelle che succedono dopo la nascita del bambino che portano l’allattamento a un “brutto inizio”, come un bambino che non riesce a trasferire correttamente il latte al seno (per qualsiasi motivo), o una cattiva gestione dell’allattamento, come poppate ad orario, separazione della Diade.  Le cause ghiandolari per la produzione di latte bassa o assente possono includere precedenti interventi chirurgici al seno o ipoplasia/IGT.  Spesso, l’insufficienza della lattazione ghiandolare è accompagnata da uno o più fattori preglandolari e postglandolari. Capire il proprio corpo e la propria salute, porre domande su eventuali farmaci o comportamenti raccomandati dal medico durante il periodo di pre-concepimento e essere in un indice di massa corporea (BMI) sano prima di rimanere incinta può aiutare a normalizzare i propri ormoni.  L’assistenza esperta per l’allattamento da parte di una IBCLC, così come la scelta di un parto che sia Baby-Friendly, può aiutarti a garantire che l’allattamento inizi nel miglior modo possibile.

Soffro di ipoplasia / IGT?

I seni ipoplastici possono essere piccoli o grandi.  È la forma del seno, il posizionamento e l’asimmetria che indicano l’ipoplasia – non necessariamente le dimensioni.  I seni di dimensioni normali che mancano di tessuto ghiandolare possono essere costituiti da tessuto adiposo che riempirà sufficientemente la coppa del reggiseno.

In uno studio su 34 madri di Huggins, Petok e Mireles (2000), è stata trovata una correlazione tra le seguenti caratteristiche fisiche e la minore produzione di latte:

  • seni distanziati (i seni sono più di 1,5 pollici l’uno dall’altro)
  • asimmetria del seno (un seno è significativamente più grande dell’altro)
  • presenza di smagliature sul seno, in assenza di crescita del seno, durante la pubertà o durante la gravidanza
  • forma del seno tubolare (aspetto “sacco vuoto”)

Altre caratteristiche che possono indicare ipoplasia sono:

  • areole sproporzionatamente grandi o bulbose
  • assenza di cambiamenti della mammella in gravidanza, dopo il parto o entrambi

Mentre una grande percentuale di madri con IGT si è accorta che il proprio seno era “diverso” o “qualcosa non andava” durante l’adolescenza, solitamente non è fino alla gravidanza, quando “arriva la fobia del seno” e il seno cambia poco o niente, o dopo aver partorito, quando non produce abbastanza latte per il suo bambino, che una madre sa di avere un tessuto ghiandolare insufficiente.  Un’eccezione a questo potrebbe essere se avesse cercato o subito un intervento chirurgico per l’aumento del seno in precedenza nella sua vita. Forse il suo chirurgo plastico si è riferito a “deformità mammaria tuberosa” o “seno ristretto”, entrambi i termini usati per descrivere l’ipoplasia/IGT nel campo della chirurgia plastica.

Kellymom, strumento di integrazione

 È importante considerare che alcune madri con i marcatori fisici sopra riportati non hanno difficoltà ad avere una produzione di latte piena e normale dopo il parto.  Tuttavia, una valutazione del seno prenatale che rivela caratteristiche fisiche coerenti con l’ipoplasia/IGT dovrebbe richiedere un’attenzione particolare per arrivare ad un allattamento il migliore possibile.  Inoltre, può essere particolarmente inquietante se una madre non nota alcun cambiamento nel suo seno durante la gravidanza.

Perché mi è successo questo?  Perché non posso produrre abbastanza latte?

 Non si può sottolineare abbastanza che, se si sospetta l’interruzione della lattazione di natura ghiandolare, i fattori preglandolari e postglandulari vengono considerati e correttamente esclusi.  Può essere frustrante per una madre che ha realmente l’ipoplasia/IGT continuare a sentirsi chiedere “hai provato X o Y”, ma ogni operatore ben intenzionato che pone tali domande cerca di escludere le cause più comuni che portano ad una bassa produzione (e per le quali esistono spesso correzioni efficaci).  Come medico, preferisco chiedere alle madri “quali misure hai provato e quali altre possibili cause per questo problema hai esplorato?” Questo approccio mostra rispetto per il percorso della madre, incoraggiando al tempo stesso una revisione completa di tutti i fattori che potrebbero contribuire al problema della produzione di latte insufficiente.

Esistono prove (Rudel, Fenton, Ackerman, Euling e Makris, 2011) a sostegno di una teoria dell’esposizione ad alti livelli di alcuni contaminanti ambientali, vale a dire diossina e altri interferenti endocrini, mentre in utero (esposizione a contaminanti accumulati nel corpo della madre prima di nascere) può predisporsi in una donna una crescita del seno insufficiente durante l’adolescenza e la gravidanza, le due volte nella sua vita in cui il seno dovrebbe crescere.  In alcuni casi, il seno di una ragazza può crescere durante la pubertà, ma forse quella crescita è asimmetrica (irregolare) o il seno è grande e sembra normale, ma solo il tessuto adiposo sviluppato, non il tessuto ghiandolare. Questo potrebbe essere il risultato di irregolarità ormonali che si verificano in alcune condizioni endocrine, come PCOS o tiroide incontrollata o condizioni correlate all’insulina (Marasco, Marmet e Shell, 2000).  

Alcune madri con ipoplasia/IGT riportano un difetto della fase luteale, che è un evento ciclico di progesterone inferiore al normale, anche in presenza di ovulazione.  È caratterizzato da temperature corporee basali post-ovulatorie che non aumentano in modo significativo e possono anche provocare macchie premestruali.  

Questi casi di irregolarità endocrine sono particolarmente importanti da affrontare, poiché i problemi ormonali che hanno interrotto lo sviluppo del tessuto ghiandolare possono anche impedire che il tessuto che produce il latte sia funzionante.  Normalizzare queste irregolarità ormonali può aiutare a massimizzare le prestazioni del tessuto ghiandolare presente; questo è il motivo per cui alcuni farmaci e fitoterapici possono avere l’effetto di aumentare la produzione di latte. Tuttavia, ciò che funziona per una madre potrebbe non funzionare per un’altra;  quest’area ha bisogno di più ricerca.

Cosa posso fare ora?  Volevo davvero allattare il mio bambino.

 Alcune madri, dopo aver preso misure per massimizzare la produzione di latte, fanno presto pace con la situazione e trovano gioia nel nutrire artificialmente i loro bambini con amore e sensibilità.  Ma, per la madre che immaginava l’allattamento materno come una parte vitale della propria esperienza materna, o la madre che si preoccupa dei rischi di non fornire latte umano al suo bambino, la consapevolezza che il suo corpo non produrrà ciò di cui il suo bambino ha bisogno  per crescere può essere devastante. Fortunatamente, ci sono modi per preservare gli aspetti della relazione di allattamento materno. Ancora una volta, è imperativo che tutte le altre potenziali cause della difficoltà di allattare siano escluse, perché qualsiasi misura che una madre prende per massimizzare e aumentare la sua produzione di latte sarà meno efficace se ci sono altri fattori in gioco, come cattiva gestione dell’allattamento o incapacità  da parte del bambino di trasferire efficacemente il latte. È anche vitale connettersi con altre madri che allattano e acquisire familiarità con il comportamento di un bambino normalmente allattato; le madri che producono un sacco di latte temono che i loro bambini non stiano crescendo abbastanza quando sono schizzinosi, se poppano spesso o non dormono da molto tempo. Questi aspetti del normale comportamento neonatale possono essere particolarmente inquietanti per una madre con IGT, ma una buona comprensione di ciò che sembra ed è “normale” può facilitare il processo di ri-sviluppo della fiducia nei propri istinti su ciò di cui il suo bambino ha bisogno.

Alcune madri con ipoplasia/IGT sono in grado di offrire tutte le poppate, indipendentemente dalla quantità di latte prodotto dal seno, utilizzando uno strumento di integrazione.  Questo strumento è costituito da un piccolo tubo che è attaccato accanto o sotto il capezzolo della madre; il tubo è collegato a un contenitore che contiene il supplemento, che può essere il latte tirato della madre, il latte di un donatore o la formula.  

Altre madri scoprono di essere in grado di allattare e di fornire la maggior parte di ciò di cui hanno bisogno i loro bambini, magari con l’apporto di erbe o medicinali galattagoghi e hanno solo bisogno di offrire integratori, sia al seno o tramite bottiglia, una volta o  due volte al giorno. Il tuo bambino potrebbe essere più felice se offri 30 gr con un biberon, poi lo attacchi al seno una volta che non è più all’apice della fame e lascialo finire al seno.  

Alcune madri con ipoplasia/IGT scoprono che i loro bambini non hanno bisogno di latte aggiuntivo o di integratori di formula intorno alla metà del primo anno, quando hanno mostrato interesse per alcuni cibi solidi.  Renta grammi di formula offre 20 calorie; 30 gr di avocado schiacciato e maturo fornisce 50 calorie; la banana e la patata dolce hanno ciascuna 25 calorie per 30 gr. In base all’aumento di peso del bambino e alle esigenze di integrazione, gli alimenti ricchi di nutrienti possono fornire nutrimento adeguato unitamente al latte che si è in grado di produrre.  Il pediatra può aiutarti a determinare cosa è meglio per il tuo bambino.

L’importante è che ti permetta la libertà di elaborare la perdita della relazione di allattamento che pensavi di avere.  In questo processo, identifica quali aspetti di allattare il tuo bambino eri entusiasta di sperimentare, e cerca l’aiuto di un IBCLC con esperienza nel sostenere madri con bassa produzione di latte o IGT.  Aiuta la tua IBCLC ad aiutarti – vuoi imparare come tirare e nutrire con il biberon quanto più latte riesci a produrre?  

Lo strumento di integrazione al seno che è appena arrivato per posta ti confonde e hai bisogno di aiuto per iniziare?  

Forse ti piace l’idea di usare latte donato, ma vuoi qualche informazione in più prima di andare avanti.  

Parla con la tua IBCLC delle misure a cui sei disposta ad arrivare e del tuo livello di comfort con la tua situazione.  Se sa quali sono i tuoi obiettivi, può aiutarti a progettare un piano di assistenza che soddisfi le tue esigenze e il tuo stile di vita.  Con il sostegno, molte madri continuano a raggiungere i loro obiettivi e hanno successo, realizzando esperienze di allattamento al seno che sono molto più dei 30 gr di latte che producono.

(traduzione non ufficiale da https://kellymom.com/bf/got-milk/supply-worries/insufficient-glandular-tissue/)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close