Allattamento e fertilità

Come posso usare l’allattamento per prevenire la gravidanza?

Il metodo esclusivo per l’allattamento per il controllo delle nascite è anche chiamato amenorrea da lattazione, o LAM. L’amenorrea da lattazione si riferisce alla naturale infertilità postpartum che si verifica quando una donna non ha le mestruazioni a causa dell’allattamento. Molte madri ricevono informazioni contrastanti sul tema dell’allattamento e della fertilità.

Mito n. 1 – L’allattamento non può essere utilizzato per prevenire la gravidanza.

Mito n. 2 – Qualsiasi allattamento impedirà la gravidanza, indipendentemente dalla frequenza dell’allattamento al seno o dal ritorno del ciclo della mamma.

L’allattamento esclusivo ha infatti dimostrato di essere un’eccellente forma di controllo delle nascite, ma ci sono alcuni criteri che devono essere soddisfatti affinché sia utilizzato in modo efficace.

L’allattamento esclusivo (di per sé) è efficace al 98-99,5% nel prevenire la gravidanza purché siano soddisfatte tutte le seguenti condizioni:

– Il tuo bambino ha meno di sei mesi
– I tuoi cicli mestruali non sono ancora tornati
– Il bambino poppa (sia di giorno che di notte) e non riceve altro che latte materno o solo quantità simboliche di altri alimenti.

Efficacia dei metodi di controllo delle nascite
Numero di gravidanze per 100 donne

* Adattato dalle informazioni su plannedparenthood.org

Come posso massimizzare il mio periodo naturale di infertilità?
La tempistica per il ritorno alla fertilità varia molto da donna a donna e dipende da come poppa il bambino e da quanto sensibile sia il corpo della mamma agli ormoni coinvolti nella lattazione.

– La frequenza dell’allattamento e la quantità totale di tempo trascorso al seno per 24 ore sono i fattori più forti che portano al ritorno della fertilità: una madre ha maggiori probabilità di vedere il ritorno della fertilità se la frequenza e/o la durata delle poppate del bambino è ridotta, soprattutto se il cambiamento è brusco.
– In alcune popolazioni, la ricerca ha dimostrato che l’allattamento notturno rallenta il ritorno alla fertilità.
– Uno studio ha mostrato che le madri separate dai loro bambini (ma spremevano il latte per fornire il 100% di latte materno per il bambino) avevano un rischio di gravidanza più elevato (5,2%) durante i primi 6 mesi (Valdes 2000).
– L’introduzione di alimenti solidi può anche essere un fattore nel ritorno della fertilità. Una volta che il bambino inizia i solidi (se il ciclo della mamma non è tornato), il periodo naturale di infertilità può essere prolungato dall’allattamento prima di offrire assaggi, iniziando gradualmente e non limitando l’allattamento.

È possibile ottenere maggiore efficacia praticando l’allattamento biologico:

– tenere il bambino vicino
– allattare a richiesta (giorno e notte)
– usare l’allattamento per confortare il bambino
– allattare in posizione sdraiata per i sonnellini e di notte
– Non usare biberon o ciucci

Se pratichi l’allattamento al seno biologico:

– La probabilità di una gravidanza è praticamente nulla durante i primi tre mesi, meno del 2% tra 3 e 6 mesi e circa il 6% dopo 6 mesi (supponendo che il ciclo mestruale della mamma non sia ancora tornato).
– Il tempo medio per il ritorno del ciclo mestruale è di 14,6 mesi.
– Le mamme il cui ciclo ritorna presto tendono a essere sterili per i primi periodi. Le mamme il cui ciclo ritorna più tardi hanno maggiori probabilità di ovulare prima del loro primo periodo.
(Fonte: Natural Child Spacing and Breastfeeding di Jen O’Quinn)

Mentre è possibile per una mamma che allatta di rimanere incinta e prima di avere il capoparto, è raro. La maggior parte delle mamme non rimane incinta fino a dopo il primo ciclo (spesso indicato come “ciclo di preavviso”). Anche dopo, mentre alcune possono rimanere incinte nel primo ciclo, ad altre richiederanno mesi di periodi mestruali prima che possa verificarsi una gravidanza. Altre ancora (questo è abbastanza raro) potrebbero non essere in grado di rimanere incinta fino a quando non si è verificato lo svezzamento completo.

Il passaggio verso la piena fertilità
Diversi studi hanno indicato che la fertilità e l’attività ovarica ritornano gradualmente (Ellison 1996, p. 326-327):

– Attività follicolare senza ovulazione (nessuna possibilità di gravidanza). Le mestruazioni senza ovulazione (ciò non accade sempre, vedi sotto).
– Ovulazione senza fase luteale (Dopo la liberazione dell’ovulo, può aver luogo la fecondazione Durante la fase luteale, il rivestimento uterino viene preparato per l’impianto mentre l’ovulo viaggia lungo la tuba di Falloppio e nell’utero. Se il rivestimento uterino non è adeguatamente preparato per l’impianto, l’impianto probabilmente non avrà successo).
– Fase luteale completa (fertilità completa – a questo punto l’allattamento non ha più alcun effetto sulle possibilità di gravidanza).

È possibile avere uno o (occasionalmente) più cicli mestruali prima di iniziare l’ovulazione. In questo caso, le mestruazioni iniziano durante la prima fase del ritorno alla fertilità, prima che l’ovulazione ritorni. I cicli senza ovulazione sono più comuni durante i primi sei mesi dopo il parto. Per le altre mamme, la prima mestruazione è preceduta dall’ovulazione: un periodo più lungo di amenorrea da lattazione aumenta la probabilità di ovulare prima di quel primo periodo.

Una piccolissima percentuale di donne rimarrà incinta durante la prima ovulazione postpartum, senza aver avuto un ciclo postpartum. Secondo il ricercatore di fertilità Alan S. McNeilly, questo “è raro e nella nostra esperienza è correlato a una rapida riduzione dell’input da lattazione”.

Non è raro che le madri che allattano segnalino sintomi come crampi da ciclo o di tipo PMS – sindrome premestruale senza il ciclo – per settimane o addirittura mesi prima del ritorno del ciclo. Quando ciò accade, il corpo si sta probabilmente “attrezzando” per il ritorno delle mestruazioni, ma l’allattamento sta ancora ritardando il ritorno della fertilità.

La quantità di tempo necessaria per il passaggio alla piena fertilità varia da donna a donna. In generale, quanto prima avviene il ritorno delle mestruazioni, tanto più graduale è il ritorno alla piena fertilità.

Devo introdurre lo svezzamento per rimanere incinta?
Probabilmente no. Se si sta ancora attraversando la fase di passaggio alla piena fertilità (come discusso sopra), l’allattamento può influire sul successo dell’impianto. Una volta che l’impianto ha avuto successo, l’allattamento non dovrebbe influire su una gravidanza sana. Se il tuo ciclo è tornato e si è stabilizzato secondo uno schema regolare, è probabile che l’allattamento non stia più danneggiando la tua fertilità.

Molte mamme possono concepire senza modificare deliberatamente le poppate del bambino. Non esiste una soglia “magica” di allattamento che ti permetta di concepire – ogni madre è diversa. Alcune mamme hanno bisogno di allungare la frequenza delle poppate e/o abbreviarne la durata per renderla più facilitata a concepire – i bambini naturalmente lo fanno da soli quando crescono, quindi una delle opzioni è semplicemente aspettare un po’.

I cambiamenti più bruschi tendono a riportare la fertilità più velocemente (ad esempio, interrompendo bruscamente una poppata, piuttosto che ridurne gradualmente il tempo) – anche se si continua ad allattare molto – ecco perché molte madri sperimentano il ritorno di fertilità quando il loro bambino dorme durante la notte o inizia cibi solidi. Se decidi di apportare modifiche al tuo schema di poppate, l’ora del giorno in cui apporti la modifica (ad es., togliere o ridurre una poppata notturna invece di una poppata diurna) non dovrebbe fare la differenza. La ricerca attuale indica che la frequenza e la quantità totale di tempo al seno per 24 ore sono i fattori più importanti, piuttosto che l’ora del giorno in cui avviene l’allattamento.

Alcune mamme trovano impossibile concepire mentre si allatta, ma questo non è affatto comune.

Molte madri si chiedono se l’allattamento influirà sull’affidabilità dei test di gravidanza. No – i test di gravidanza misurano la quantità di ormone hCG nel sangue o nelle urine e i livelli di hCG non sono influenzati dall’allattamento al seno. La placenta in via di sviluppo inizia a rilasciare hCG dopo l’impianto; una gravidanza può generalmente essere rilevata con un test di gravidanza entro 7-14 giorni dopo l’impianto.

Aggiornato il 17 marzo 2018

https://kellymom.com/ages/older-infant/fertility

(Traduzione non ufficiale Mamme per mano)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close