Malattia di Lyme

Secondo i centri statunitensi per il controllo delle malattie, la malattia di Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi e viene trasmessa agli esseri umani attraverso il morso di una zecca infetta da questo batterio. I batteri della malattia di Lyme non sono stati coltivati ​​dal latte umano (sebbene il DNA associato sia stato rilevato – vedi sotto), e nessun bambino ha sviluppato la malattia di Lyme dal latte materno.

Ecco cosa sappiamo:

In un documento del sito Web US Centers for Disease Control (Cooper & Feder, 2004), si afferma che: “B. burgdorferi non è mai stato coltivato con latte materno umano e non vi è alcun caso di un bambino che sviluppa un’infezione da B. burgdorferi sintomatica o asintomatica dal latte materno. ”
In uno studio (Ziska et al, 1996), sono state studiate sette madri che allattavano con la malattia di Lyme e nessuno dei loro bambini ha contratto la malattia di Lyme.
In un altro studio (Schmidt et al, 1995), il DNA associato alla malattia di Lyme è stato rilevato nel latte materno di due madri, ma nessuno dei loro bambini ha contratto la malattia di Lyme – per Lawrence & Lawrence (2016), non è noto se il DNA fosse da spirochete infette o erano frammenti di DNA non infette.

Se una madre viene infettata dalla malattia di Lyme, probabilmente non lo saprà fino a quando i sintomi non compaiono (7-14 giorni o più), e il bambino sarà già stato esposto alla malattia a quel punto (SE può essere trasmesso tramite il latte materno – non sappiamo se questo è possibile). L’allattamento al seno costruisce il sistema immunitario del bambino e fornirà anche al bambino ulteriori anticorpi contro la malattia di Lyme. L’interruzione dell’allattamento al seno priverebbe il bambino della protezione immunitaria extra.

Il parere generale è che l’allattamento al seno dovrebbe continuare se una madre ha la malattia di Lyme, se ha già iniziato o completato il trattamento. Ci sono diversi farmaci che possono essere usati per trattare la malattia di Lyme nelle madri che allattano.

Lawrence & Lawrence (in Breastfeeding: una guida per la professione medica, 2016) suggerisce che poiché non abbiamo prove concrete sulla possibilità di trasmissione, questo dovrebbe essere discusso con la madre e (a seconda dei desideri della madre) l’allattamento al seno potrebbe essere mantenuto fino all’inizio o al completamento del trattamento della madre. Raccomandano di osservare i sintomi della malattia di Lyme nel bambino sia che la madre interrompa temporaneamente l’allattamento al seno, sia che curi il bambino se compaiono i sintomi.

Hale (in Medications & Mothers ‘Milk 2017) raccomanda di interrompere l’allattamento al seno fino all’inizio del trattamento.

Ulteriori informazioni e riferimenti:
Lawrence R, Lawrence R. Breastfeeding: A Guide for the Medical Profession, 8th ed. Philadelphia, Pennsylvania: Mosby, 2016: 224, 462-463.

Cooper JD, Feder HM Jr. Inaccurate information about lyme disease on the internet. Pediatr Infect Dis J. 2004 Dec;23(12):1105-8.

“Il dato accettato basato sull’evidenza per questi argomenti è il seguente ….(incluso nelle dichiarazioni di posizione dell’Accademia di Pediatria, del College of Rheumatology e della Infectious Disease Society of America).

Durante o dopo il trattamento della malattia di Lyme, è sicuro allattare al seno? È sicuro allattare al seno durante il trattamento per la malattia di Lyme. B. burgdorferi non è mai stato coltivato con latte materno umano e non vi è alcun caso di un bambino che sviluppa un’infezione da B. burgdorferi sintomatica o asintomatica dal latte materno.

“Vie di trasmissione: gli esseri umani acquisiscono l’infezione da B. burgdorferi da zecche infette nel momento in cui questa preleva del sangue; La malattia di Lyme non si diffonde dal contatto da persona a persona o dal contatto diretto con animali infetti. La trasmissione transplacentare di B. burgdorferi è stata segnalata, ma gli effetti di tale trasmissione sul feto rimangono poco chiari. I risultati di due studi epidemiologici documentano che la malattia di Lyme congenita deve essere rara, se si verifica del tutto. La trasmissione nel latte materno non è stata descritta. B. burgdorferi può essere coltivato dal sangue in alcuni pazienti con infezione acuta precoce ed è in grado di sopravvivere per diverse settimane nel sangue immagazzinato. Tuttavia, almeno uno studio ha rilevato che il rischio di infezione acquisita tramite trasfusione è minimo.

(https://kellymom.com/bf/can-i-breastfeed/illness-surgery/lyme-disease/

Traduzione non ufficiale di Mamme per Mano)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close